Un lievito per amico :

sorpresa pasquale per i bambini della scuola primaria di S.Costanzo.  

 

Proprio nella storica e Santa Settimana che culmina con la solennità della Pasqua di Risurrezione,  lo chef Luca Zanchetti ha incontrato i bambini della scuola primaria di S.Costanzo per ricreare la magia del lievito madre, da cui sempre scaturisce vita nuova proprio come dalla Pasqua.  

Il pane dunque oggetto e materia di studio

all’ interno del progetto educativo –didattico 2016-2017 delle due sezioni delle classi 4° della scuola primaria di S.Costanzo.     

Le  insegnanti hanno infatti ritenuto opportuno, anche sulla scia di Expo 2015, inserire nella programmazione una sorta di percorso che risvegliasse nei bambini la curiosità e l’attenzione verso il pane, alimento così poco apprezzato e sconosciuto, seppur presente da sempre sulle tavole di tutti i popoli del mondo. Dopo un percorso teorico in cui le docenti hanno “infarinato” (è proprio il caso di dirlo) i bambini con nozioni generali circa la storia del pane, la fase conclusiva del progetto ha visto invece i bambini sporcarsi le mani di acqua e farina.   

Così nella mattinata di martedì 11 aprile u.s. l’associazione panenostro.com  capitanata dallo chef ricercatore Luca Zanchetti è tornata tra i banchi di scuola per un laboratorio didattico -gustativo. Lo chef Zanchetti, appassionato del fascinoso mondo dell’arte bianca ha proposto ai bambini una magia: la magia del pane, o meglio di quell’ elemento che fa gonfiare, lievitare il pane raccontando loro la curiosa storia egizia della nascita della lievitazione naturale, ovvero acqua e farina magicamente lievitano. Acqua, farina e purea di mela … lei è Maria, il mio lievito madre biologico a cui ho dato vita 8 anni fa, compagna fedele di mille avventure  che mi ha accompagnato nelle varie esperienze professionali in giro per il mondo, ora che sono rientrato definitivamente e che a breve aprirò a Fossombrone  la mia Osteria, ve ne regalo un pezzetto !  

 

Così impastando il lievito madre donato da Zanchetti con farina biologica e acqua i bambini hanno dato vita al loro lievito personale a cui poi hanno dato un nome secondo la propria fantasia creativa.  C’è chi l’ha chiamato Gioia, chi Herry Potter, chi addirittura Gesù…ognuno con il proprio lievito in ciotola si è preso l’impegno di panificare a casa con le rispettive famiglie con una sorta di sfida pasquale a fare il pane più bello, da pubblicare poi nel sito panenostro.com. Le maestre, lo chef Zanchetti e i bambini hanno anche voluto simpaticamente ricordare questa particolare giornata lievitata autografandosi reciprocamente le magliette di colori …lievitati.          

 

Dulcis in fundu…l’esperienza gustativa – sensoriale. Una sorta di tour del pane sul globo terrestre: un planisfero, realizzato e colorato dai bambini su cui sono stati posizionati pani caratteristici e rappresentativi di alcune nazioni e stati del mondo: pani rigorosamente realizzati con farine biologiche e lievito madre, tutti da assaggiare!                             

Colori, sapori, profumi e consistenze diverse: pane azzimo, pane integrale, pane al riso, pane al mais, pane bianco…per citarne alcuni.               Apprezzatissimi tutti i pani, tanto che ne sono avanzate davvero solo poche briciole: con l’invito accorato a non sprecare mai il pane e il cibo sulle nostre tavole Zanchetti ha salutato i bambini invitandoli a disegnare la loro idea ed esperienza del pane… 

 

Chissà quale altra idea o progetto lievita in forno dello chef Zanchetti !?