Pane Michetta

E’ forse il pane più famoso e diffuso nella regione Lombardia.

Fatto con farina di grano, questo panino possiamo riconoscerlo grazie all’incisione a stella con cappello centrale che viene fatta in superficie sulla crosta facendolo aprire a forma di rosa e prendendo quindi il nome di Rosetta. La crosta leggermente dorata quasi priva di mollica è un'ulteriore caratteristica che distingue la Michetta dagli altri pani.

Banana di semola                                                        

La Banana di semola è un piccolo panino del peso di 60 gr. circa, fatto con farina di semola e farina di grano. Molto probabilmente la sua forma curva che ricorda le sembianze di una banana, potrebbe essere stata fatta appositamente per contraddistinguerlo dagli altri panini che vedono l'utilizzo di farina di semola.

Al Panon

È tra i pani storici della regione, fatto con farina di grano tenero,

dalla forma squadrata con un taglio centrale, pesa circa 300 grammi. Viene consumato quotidianamente dalla maggior parte delle famiglie lombarde, specialmente nel cremonese e mantovano, luoghi di origine di questo pane.

Ciabatta
La Ciabatta, diffusa in tutta la Lombardia, è un pane a base di farina bianca, dalla consistenza molto simile alla Michetta, ma di forma più grande.

 

Mantovano

Dal nome possiamo intuire facilmente il luogo di origine di questo pane. Il Pane Mantovano è tra i pani più antichi che i fornai locali portano avanti ormai di generazione in generazione. Croccante la sua crosta e soffice la sua mollica, ne danno un sapore non troppo saporito.

Pane Maggiolino

Oggi è uno dei panini più diffusi della regione che per via della sua forma minuscola e arrotondata prende il nome di Maggiolino. Il Pane Maggiolino è fatto con farina di grano tenero, acqua, olio e lievito, facilmente reperibile in tantissimi forni locali e non solo.

Pan Méino

E' un tipico pane dolce che un tempo veniva anche chiamato "pan de mej" ovvero"pane di miglio". La tradizione dice che si ottiene dalla miscela di farina di miglio gialla e farina di grano bianca, lievito naturale e latte. Questo pane viene aromatizzato anche con fiori di sambuco esiccati, un tempo era preparato nel giorno di S.Giorgio in cui si stipulavano contratti tra lattai e mandriani. La pagnotta si presenta priva di incisioni, dalla crosta non troppo croccante, il colore marrone chiaro e la mollica compatta, risulta un pane dolce molto gustoso.

Pane di Como

Il pane di Como, molto noto per le sue qualità che possiamo riscoprire all' interno di numerosi libri storici gastronomici della metà dell’800, è divenuto nel tempo il pane quasi leggendario di tutto il nord Italia.

La sua fragranza dovuta all' impasto spesso fatto a base di biga, lo annovera tra i pani più buoni della nazione.

La guida nazionale del Touring Club nell' anno 1931 scrive del pane di Como : “ dal sapore indefinibile e caratteristico” .

In tanti riconoscendo le qualità del Pane di Como, ne attribuivano il merito all’acqua che si trovava in quelle zone, di sicuro la fragranza, la leggerezza e il gusto del Pane di Como che ancora oggi possiamo trovare localmente, sono riconducibili anche alla lavorazione del grano, ancora oggi macinato nei tanti molini ad acqua della zona.

Pane Busella
Il Pane Busella è il più tradizionale e classico pane del bergamasco.

Alla pasta di riporto viene aggiunta farina di grano tenero tipo 0, acqua, sale e strutto. Dopo una lenta lavorazione, l' impasto viene diviso in parti da circa 100 grammi formando dei filoncini schiacciati.

Si procede ad ungere le estremità, rimboccarle e poi ripiegarle, per farle lievitare nuovamente  e cuocerle in forno senza vapore.