Dal libro della Bibbia, il Pane di Ezechiele

 

All'nterno della Bibbia troviamo diversi libri, tra questi, il Libro di Ezechiele dove possiamo trovare anche una ricetta di uno speciale pane che il Signore comanda di cucinare proprio al profeta Ezechiele. Al profeta, che doveva affrontare un lungo periodo di digiuno a pane e acqua per causa dei peccati di Israele e di Giuda, Dio fornisce la ricetta di un pane nutrizionalmente completo che lo avrebbe sostenuto per un periodo di centonovanta giorni.

Prendi intanto grano, orzo, fave, lenticchie, miglio e spelta, mettili in un recipiente e fattene del pane: ne mangerai durante tutti i giorni che tu rimarrai disteso sul fianco, cioè per centonovanta giorni”  (Ezechiele 4,9)

Una dieta a base di cereali e legumi offre tutto l’apporto proteico che si cerca in un’alimentazione carnea. Questa antica ricetta si avvicina a quello che i moderni dietologi chiamerebbero un alimento completo; infatti, una combinazione di farine di cereali e di legumi (in proporzione di due parti di cereali per una di legumi) garantisce la massima capacità di assimilare le proteine (circa il 50% in più di quelle che si potrebbero assimilare mangiando separatamente le stesse quantità di cibo).

Nella quantità descritta dal libro di Ezechiele (circa 200 grammi al giorno), questo pane è in grado di offrire il sostentamento necessario a un essere umano adulto per periodi molto lunghi.

Se consumato in combinazione con alimenti freschi (per esempio, frutta e verdura di stagione) può essere la base di un’alimentazione sana e bilanciata. Questo pane è spesso citato anche negli scritti ascetici ortodossi quando si parla della razione quotidiana di pane per monaci e monache.

Il “pane di Ezechiele” , grazie alla combinazione di aromi delle diverse farine, ha un gusto gradevole e si conserva a lungo.

 

A breve la RicettaNostra del pane di Ezechiele...